Magazine

22 novembre 2017

Incentivi per colonnine di ricarica nella Provincia di Trento

Al via gli incentivi per colonnine di ricarica nella Provincia di Trento: contributi pari a 1’500 € per l’acquisto di stazioni di ricarica per auto elettriche e ibride plug-in e pari a 500 € per stazioni di ricarica per bici elettriche.  Il contributo copre il 60% della spesa per il solo acquisto della stazione di ricarica (l’installazione è esclusa).  

Incentivi per colonnine di ricarica in Provincia di Trento

Soggetti beneficiari

Gli incentivi per colonnine elettriche nella Provincia Autonoma di Trento sono destinati a:

a) persone fisiche ed enti privati con o senza personalità giuridica, tra i quali le Onlus. I soggetti beneficiari devono avere residenza in Provincia di Trento se trattasi di persone fisiche o avere la sede in Provincia di Trento negli altri casi;
b) imprese, consorzi di imprese, reti d’impresa con soggettività giuridica, enti e associazioni per le attività di impresa aventi sede legale o operativa in Provincia di Trento.

Sono di fatto escluse le Amministrazioni Pubbliche.

A titolo di esempio, possono beneficiare degli incentivi per colonnine elettriche in Provincia di Trento:
persone fisiche che acquistano un punto di ricarica per il proprio veicolo elettrico;
aziende che acquistano una o più stazioni di ricarica (fino a un massimo di 5) per la ricarica della propria flotta aziendale;
hotel, ristoranti, attività turistiche e ricettive, centri commerciali che acquistano stazioni di ricarica per offrire un servizio di ricarica ai propri clienti.

Incentivi per colonnine di ricarica

I contributi coprono il 60% della spesa sostenuta per l’acquisto della stazione di ricarica, fino a un massimo di:

€ 1’500 per l’acquisto di ciascuna stazione di ricarica per veicoli elettrici e ibridi plug-in, nel limite di 5 stazioni per ciascun richiedente;
€ 500 per l’acquisto di una stazione di ricarica per e-bike con presa Schuko, nel limite di 1 stazione per richiedente.

Incentivi per colonnine di ricarica

Spese ammissibili

  • Le stazioni di ricarica devono essere installate in edifici di proprietà o in locazione o in disponibilità dei soggetti richiedenti.
  • Le stazioni di ricarica devono essere utilizzate dal richiedente oppure messe a disposizione gratuita di altri soggetti (clienti, visitatori, dipendenti).
  • L’IVA può essere conteggiata nelle spese ammissibili se rimane effettivamente a carico del soggetto beneficiario (nel caso di privati).
  • Non sono ammesse le spese di installazione. E’ bene che la fattura di acquisto riporti solo la stazione di ricarica (e non la posa).
  • Le stazioni di ricarica non possono essere acquistate tramite leasing o noleggio.

Obblighi per il soggetto richiedente

  • Il soggetto richiedente è impegnato a accettare ogni controllo sull’effettiva destinazione del contributo concesso e sul rispetto degli obblighi previsti.
  • Le imprese (quindi non le persone fisiche) hanno l’obbligo di apporre e mantenere sulle stazioni di ricarica un apposito marchio secondo le caratteristiche fornite dalla Provincia in sede di concessione (e-Station è disponibile a realizzare un adesivo conforme, se non già fornito dalla Provincia di Trento).
  • La concessione dei contributi comporta l’obbligo di non alienare, cedere o comunque distogliere dalla loro destinazione i beni per i quali i contributi sono stati concessi per 3 anni, salvo il trasferimento a qualsiasi titolo della proprietà o della disponibilità degli immobili dove gli stessi sono installati, a condizione che chi subentra assuma l’obbligo di mantenere la destinazione prevista.

Procedura per ottenere gli incentivi per colonnine di ricarica in Provincia di Trento

La domanda per ottenere la concessione degli incentivi è presentata alla struttura provinciale competente in materia di incentivi per il risparmio energetico e per lo sviluppo delle fonti energetiche alternative entro un anno dalla data della fattura di acquisto che non deve avere una data antecedente il 20 novembre 2017.

Pertanto la domanda deve essere presentata ad acquisto della stazione di ricarica già effettuato.

L’avvio dell’istruttoria è disposto secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande di agevolazione; la concessione delle agevolazioni avviene in ordine cronologico rispetto al termine di istruttoria fino all’esaurimento delle risorse.

Alla domanda deve essere allegata la dichiarazione, rilasciata dall’installatore, di conformità ai sensi della legge 37/2008 ovvero dichiarazione di avvenuta installazione a “regola d’arte” (documento che rilascia l’elettricista che installa la stazione di ricarica).

Le domande devono essere presentate con una delle seguenti modalità:
a) tramite posta elettronica certificata all’indirizzo dell’organismo istruttore (con l’obbligo per le imprese di utilizzare tale modalità);
b) tramite posta elettronica semplice all’indirizzo dell’organismo istruttore;
c) consegna a mano direttamente all’organismo istruttore, anche per il tramite degli sportelli periferici dell’Amministrazione provinciale;
d) spedizione tramite ufficio postale con raccomandata.

e-Station è a disposizione di privati e aziende per consigliare le migliori soluzioni per la ricarica dei veicoli elettrici e fornire tutto il supporto e la documentazione richiesta per ottenere gli incentivi della Provincia di Trento.

Tutte le stazioni di ricarica presenti nel nostro catalogo sono idonee per l’ottenimento degli incentivi.

In allegato:
– Incentivi per colonnine di ricarica nella Provincia di Trento – Delibera n. 1922 del 16/11/2017


      

Per richieste di informazioni e preventivi per la fornitura di una stazione di ricarica:

02 82.58.152

Oppure compila il form qui accanto e ti contatteremo al più presto.

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Azienda

Indirizzo e-mail (richiesto)

Telefono (richiesto)

Messaggio

Fonte

© Riproduzione riservata
Colonnine di Ricarica, Incentivi , , ,